Adriano Colombo   
Poesie, Scherzi e Canzoni

Ho scritto versi
 in due momenti separati della mia vita:
il primo intorno ai vent’anni
(come capita a molti)
il secondo intorno alla quarantina.
Poi, basta.

Tabella indice
(scegli nella tabella la sottosezione che vuoi visitare)

PUERILI
A vent’anni ci si prende molto sul serio.
Il personale è agricolo (1975-1981)
Quando cominciò la crisi delle aspirazioni rivoluzionarie dei primi anni settanta, qualcuno venne fuori con l’affermazione che “il personale è politico”. Per me, dedito al mio orto, era soprattutto agricolo.
Comunque, dalla crisi politica alla voglia di fare versi il passo è breve.
Manuale di sopravvivenza (1982)
Si sa che i quarantenni sono esposti alle sbandate sentimentali.
La storia (1983)
Tre componimenti sul tema: non sappiamo da dove veniamo, né dove andiamo. 
DISIECTA
Frammenti sparsi di anni in cui i versi non mi venivano più spesso.
CANZONI
Circa negli stessi anni delle poesie, ho scritto anche dei testi per canzoni. Qui il bello, o il brutto, è che bisogna rispettare certe regolarità di ritmi e di rime. Qualcuna è stata musicata da un paio di amici (quando provavo a scriver la musica io, lasciamo stare).
SCHERZI
Giochi di parole e di rime in varie lingue, nati per combattere la noia di una malattia, di lunghe riunioni, o solo per scherzare tra amici.